iShares Cup: Alinghi conduce con 86 punti con un vantaggio di cinque su Team Origin

Sunday, 31 August 2008


Kiel ha offerto cielo azzurro per il secondo giorno della iShares Cup e grazie al fatto che la pioggerellina di ieri era ormai soltanto un ricordo, migliaia di spettatori  hanno affollato il campo di regata.
Alinghi è sempre al comando della classifica generale dopo aver totalizzato i seguenti parziali: 1°, 2° 6°,5°, 6° e ancora un altro 5°. Rodney Ardern, randista del team, spiega nell’intervista che segue che cosa è successo oggi e il lavoro di apprendimento che il team sta portando avanti su queste barche…

alinghi.com parla con il randista  Rodney Ardern, a proposito di una giornata di risultati alterni:

Sembrava quasi una lotteria oggi, con tutte le imbarcazioni in grado di vincere almeno una prova. E’ stato così?
 “Si, è stata na giornata molto impegnativa. Per le prime quattro prove, il comitato ha utilizzato un percorso bolina-poppa con il cancello sulla boa di bolina, così era tutto in ordine. Più tardi la brezza è diminuita ha ruotato decisamente a destra, e tutto è diventato più difficile”.

Tu hai già regatato a Kiel in passato, sono queste le condizioni tipiche del posto?
 “In realtà la Kiele Woche si svolge in mare aperto quindi con vento più stabile rispetto a quanto abbiamo qui nel canale. Quando il vento arriva da terra come ieri  o dalla parte opposta, le condizioni sono sempre molto difficili sia in termini di intensità che di direzione.  Oggi non è stato poi così male a parte un salto a destra piuttosto consistente che ha condizionato i percorsi e le andature delle barche. Noi non ci siamo allenati molto e abbiamo fatto qualche risultato non proprio eccezionale verso la fine della giornata.”

Alinghi ha cominciato con un 1° e un 2° posto. Come mai poi si è verificato un calo di prestazioni?
 “Stavamo analizzando le nostre prestazioni in partenza proprio ora e credo che siamo partiti bene una sola volta in sei regate oggi. Dopo questa buona partenza siamo però arrivati sesti. Nelle due migliori regate della giornata, siamo stati bruciati in partenza e costretti a virare, ma siamo riusciti ad andare dove volevamo, mentre tutti gli atri si sono diretti dalla parte opposta del campo di regata e  abbiamo tagliato l’arrivo rispettivamente al 1° e 2° posto. Se riusciremo a migliorare le nostre partenze e ad andare dove vogliamo andare, sicuramente otterremo anche risultati migliori”.

Alinghi sta utilizzando queste regate come piattaforma di apprendimento per una possibile Deed of Gift regatta sui multiscafi. Come procede questo lavoro?
 “Stiamo regatando bene, lo avevamo già fatto in precedenza nell’ambito del circuito di match race e quest’anno sugli X40. La comunicazione a bordo funziona in maniera eccellente. Stiamo imparando a utilizzare questa tipologia di imbarcazioni. Siamo preparati sulla maggior parte degli aspetti e il nostro lavoro come equipaggio è ottimo. Stiamo imparando come comportarci su queste imbarcazioni al variare delle condizioni e giornate come queste in cui il vento è così variabile sia di direzione che di intensità rappresentano un ottimo banco di prova, in quanto dobbiamo cambiare gli assetti velocemente. In questo modo ci rendiamo perfettamente conto di quello che abbiamo imparato e di quello che dobbiamo ancora fare”.

Risultati odierni

Regata 7: 1.) Alinghi, 2.) Team Aqua, 3.) iShares
Regata 8: 1.) Team Aqua, 2.) Alinghi, 3.) Volvo Ocean Race
Regata 9: 1.) BT, 2.) Tommy Hilfiger, 3.) Team Aqua [Alinghi, 6°]
Regata 10: 1.) BT, 2.) Tommy Hilfiger, 3.) Volvo Ocean Race [Alinghi, 5°]
Regata 11: 1.) Oman, 2.) Team Origin, 3.) Holmatro  [Alinghi, 5°]
Regata 12: 1.) Team Origin, 2.) Volvo Ocean race, 3.) BT [Alinghi, 6°]

L’equipaggio dell’X40 di Alinghi

Ed Baird, timoniere
Rodney Ardern, randista
Lorenzo Mazza, regolatore vele di prua
Piet van Nieuwenhuyzen, prodiere

iShares Cup fotos:

Last Updated ( Sunday, 31 August 2008 )